Riina e il diritto di morire con dignità

Lascia un commento

7 giugno 2017 di Pino Martinez

Nel frattempo alcuni mafiosi sono usciti dal carcere ed altri stanno per uscire ritornando nei loro mandamenti di appartenenza dopo avere scontato la loro breve pena. Entro il 2020 Repubblica ci informa che Giovanni Brusca sarà libero. Ora Riina, la belva sanguinaria e feroce, senza che ci venga dimostrato quale siano affettivamente le sue condizioni di gravità, ci fa sapere attraverso i suoi legali che è in gravi condizioni di salute e fa richiesta di sospensione della pena o in un subordine arresti domiciliari. Fermo restando che se è davvero malato grave, è previsto che la pena la può scontare in un qualsiasi carcere che gli consenta di essere assistito adeguatamente. Il problema del letto che non è adeguato al carcere dove si trova in atto sembra proprio una scusa. Si stanno mobilitando alcuni personaggi degli ambienti istituzionali, politici e culturali per dire che anche il peggiore fra gli uomini ha diritto ad una morte dignitosa. Che sono buoni loro e cattivi noi che pensiamo che deve scontare la pena sino in fondo.
Per criminali come lui non ci possono essere benefici, non c’è vendetta ma richiesta di rispettare la legge sino in fondo. Almeno con i mafiosi che sia garantita la certezza della pena. Invece queste menti così raffinate della politica, delle istituzioni della cultura ci dicono che in un paese civile dobbiamo mettere da parte la voglia di vendetta. Vergognoso fare questa affermazione; non vendetta, ma giustizia e non credo che i giudici Gratteri e Roberti siano animati da vendetta quando affermano che Riina deve essere assistito in carcere. Del resto in atto si trova in struttura ospedaliera, nemmeno in carcere, ma si sta lavorando per portarlo a casa. Quanto ho scritto in principio e la richiesta di valutare se la belva sanguinaria e feroce abbia diritto di morire con dignità a casa sua mi fa pensare che il famoso papello, cioè l’accordo Riina e pezzi dello Stato, continui a trovare attuazione, ma nel modo sempre più pesante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: